Uptown

Prenota un appuntamento
Torna alle news
29 Settembre 2017

UpTown, il futuro è alle porte Giovedì 28 settembre la posa della prima pietra.

Dopo avere completato il 90% delle opere di urbanizzazione – tra cui un parco urbano da 250 mila metri quadri e l’intera rete viabilistica locale – EuroMilano è lieta di annunciare l’avvenuta posa della prima pietra dell’intervento UpTown, il primo smart district di Milano, situato nella zona nord ovest della città, nell’area di accesso a sud di Arexpo. Giovedì 28 settembre il presidente di EuroMilano Luigi Borrè ha dato ufficialmente avvio al cantiere alla presenza di numerosi acquirenti che hanno già comprato casa ad UpTown. A oggi, infatti, le vendite hanno superato il 60% di quanto è in fase di realizzazione.

Il progetto prevede un cuore residenziale all’avanguardia per la concezione e le scelte realizzative adottate. Il lotto è costituito da 137 appartamenti in residenza libera, curati dagli studi di architettura Scandurra e Zanetti Design e Architettura, selezionati da EuroMilano tramite concorso e realizzati con la nuova tecnologia Bim – Building Information Modeling. Le società edificatrici, che sono state accuratamente scelte attraverso un bando di gara, sono riunite in un Raggruppamento Temporaneo di Impresa (Rti) e sono operatori solidi e affermati: C.M.B. Società cooperativa Muratori e Braccianti di Carpi, con sede in Carpi, quale Capogruppo mandataria; Mangiavacchi Pedercini S.p.A., con sede in Milano, quale mandante; Impresa costruzioni Nessi Majocchi S.p.A., quale mandante. 

Cosa chiede oggi chi cerca casa? – dichiara Attilio Di Cunto, amministratore delegato di EuroMilano - Più verde, attenzione all'ambiente con soluzioni ecosostenibili, spazi di aggregazione e di socializzazione, domotica, servizi pubblici facili da fruire. In poche parole, molti cercano una città nella città, lontano dal caos, ma sempre connessa alla rete e facilmente raggiungibile. E' a questo che EuroMilano ha pensato quando ha dato avvio al progetto UpTown, nel più complesso quadro del recupero di Cascina Merlata a Milano. Sui distretti smart molto si è scritto e molto si è detto; la domotica e il wi-fi sono aspetti acquisiti, ma la vera novità di UpTown sono i servizi ai residenti”.

Gli alloggi, classificati in classe energetica A+, sono stati progettati per garantire la loro personalizzazione, consentendone l’ampia funzionalità e arredabilità. Ogni edificio sarà dotato di una serie di servizi, quali la palestra e il building trainer, lo spazio nido, l’area di coworking e la lavanderia, l’area polifunzionale e la cucina, garantendo al contempo bassi costi di gestione. Soluzioni di lusso, ma progettate e realizzate senza perdere di vista l’accessibilità da parte di ampi strati di cittadinanza, quindi a costi contenuti rispetto al livello qualitativo offerto. 

 “Una città policentrica, che guardi al futuro, all’innovazione e all’Europa: Milano deve essere tutto questo – precisa il professor Luigi Borré, presidente di EuroMilano – la Società intende lavorare in questa direzione, proponendo un nuovo modello di sviluppo per il mercato immobiliare e per la città intera. UpTown è il distillato di questa visione ed è la nostra punta di diamante, ma è anche e soprattutto un esperimento nel senso della trasformazione policentrica di Milano e al contempo una scommessa che la città deve vincere. Il recupero e l’utilizzo razionale e sensibile al sistema in cui è inserita di una immensa area – superficialmente bollata come periferica – quella di Cascina Merlata, è la sfida che ci ha entusiasmato fin dall’inizio. Siamo convinti che questo lembo di Milano, formato dalla nostra area, dalla Fiera di Milano e da Arexpo (con gli sviluppi che questa avrà e che si stanno concretizzando) darà un nuovo cuore a Milano”.

Alla prima visita effettuata in occasione della posa della prima pietra seguiranno altri ingressi collettivi al cantiere, per permettere ai futuri residenti di visionare lo stato di avanzamento lavori: prima di Natale 2017 per visitare la piattaforma del piano terreno, a giugno 2018 per la visita in elevazione, a Natale 2018 per la copertura, a marzo/giugno 2019 per la consegna degli appartamenti.